Carrello prenotazioni »

Accomodations and tours in Cinque Terre and Ligurian Riviera. Online Booking +390187760083 |  info@arbaspaa.com

EN | IT | de | fr | |

L’arte dei muretti a secco proclamata patrimonio dell’Umanità dell’Unesco

Le Cinque Terre, Porto Venere e l’Arcipelago Spezzino sono stati proclamati nel 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Ora, ancora una volta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, arriva un nuovo riconoscimento: entra a far parte della prestigiosa lista – questa volta come elemento immateriale – l’arte dei muretti a secco (“Dry stone walling”), che proprio nei paesi da Riomaggiore a Monterosso delinea l’aspetto delle coste con le sue terrazze inconfondibili.

Agricoltura, storia, tradizione sono solo alcuni degli elementi che questo mondo antico, tramandato secolo dopo secolo di padre in figlio, testimoniano: la loro fattura ardita, con i sassi collocati l’uno sopra l’altro come un mosaico, senza alcun collante, hanno reso possibile l’addomesticamento di terre ostili. Così si è sviluppata la coltura della vite, che ancora oggi produce pregiati vini, prevalentemente bianchi, dal sapore salmastro: l’uva matura di fronte alla bellezza del mar Ligure, di cui assorbe il profumo, e sotto un sole dolce e temperato.

Ancora oggi, nonostante la piaga dell’abbandono che alcune realtà come la Fondazione Manarola Cinque Terre (www.fondazionemanarola.org) cercano di combattere, quest’arte continua ad essere fondamentale per il mantenimento di un litorale unico, che vanta pochi eguali al mondo. Uno spettacolo che unisce natura ed opera dell’uomo e che vale una visita da ogni continente.

Volete aiutare gli abitanti delle Cinque Terre nella manutenzione dei muretti a secco? Provate il nostro tour “Voluntourism”: https://bit.ly/2Awqf9t